Home » Sport » Running » ORGANIZZAZIONE ESEMPLARE AGLI EUROPEI DI ARCO

ORGANIZZAZIONE ESEMPLARE AGLI EUROPEI DI ARCO

Il successo di GardaSportEvents ha fatto il giro d’Europa, i Campionati Europei di corsa in montagna svoltisi ad Arco (TN) lo scorso weekend hanno regalato emozioni, merito dell’organizzazione esemplare, della folta cornice di pubblico e anche dell’encomiabile gesto di Bernard Dematteis, il quale ha lasciato la vittoria al fratello gemello Martin dopo una gara condotta dall’inizio alla fine. Un atto che raramente si vede nei palcoscenici sportivi di tutto il mondo, raccontato dalle tv nazionali come TG5, Italia1, Tgcom, Rai3 Agorà, dai giornali europei e di tutto lo stivale, un episodio che ha dei risvolti particolari e delicati, la prematura scomparsa del figlioletto di Martin avvenuta lo scorso anno.

Il contesto di gara, altamente spettacolare ed emozionante, ha regalato una sfida unica nel suo genere, la folla che ha assistito all’evento, anche grazie al maxischermo allestito all’arrivo, ha certamente favorito la risonanza del gesto atletico ed umano dei due protagonisti: “Sono certo che questa manifestazione di grandissima generosità affettiva e umana è stata esaltata dalla particolare location di Arco. Il grande pubblico presente ha subito capito e condiviso l’impareggiabile gesto di un vero atleta e uomo genuino: è stata un’emozione che ha coinvolto tutti. Questa circostanza, portata all’attenzione da un pubblico immenso (si pensi solo alle 138mila visualizzazioni del video sulla pagina Facebook della FIDAL o alle 32mila del bellissimo video realizzato ad Arco da due reporter olandesi per European Athletics), favorirà anche la promozione della corsa in montagna, spettacolare disciplina dell’atletica leggera. Arco 2016 ha realizzato anche questo… e credetemi non è cosa da poco”, ha sottolineato il presidente di GardaSportEvents Franco Travaglia.

Un comitato organizzatore entusiasta, che con passione si prodiga nel realizzare eventi prestigiosi che danno risalto al Garda Trentino, ottenendo anche un importante indotto per la cittadina arcense; quello dei Dematteis è un gesto generoso che lascerà un segno incancellabile negli annali della corsa in montagna internazionale, nel corso di una gara e di un percorso spettacolare. Una competizione disturbata anche da qualche perturbazione meteo, “ma ho sentito molte persone che, prese dallo spettacolo e dalle emozioni che la gara trasmetteva, non si sono nemmeno accorte della pioggia…”, sottolinea ancora Travaglia.

Consensi che provengono anche dalle alte cariche della disciplina, come il report stilato dallo sloveno Gregor Bencina, dirigente della Federazione Europea, presente ad Arco a rappresentare la propria federazione: “Gli Europei di Arco sono stati un esempio di come la corsa in montagna dovrebbe essere organizzata. Grazie al team condotto con sapienza da Franco Travaglia, i prossimi organizzatori dovranno tenere Arco come modello di riferimento: location spettacolare, grande cooperazione tra lo staff organizzatore, la comunità locale, il Comune di Arco, la FIDAL. Professionisti e volontari hanno svolto un lavoro eccellente, allestendo un maxischermo all’arrivo per tutti gli spettatori, un doppio palco per le premiazioni subito dopo la gara ed in serata, servizi puntuali e attenzione nei confronti delle esigenze degli atleti. L’evento merita veramente una nota distintiva, grazie anche alla spettacolare cerimonia d’apertura, i magnifici tracciati ed un’organizzazione di gara esemplare, un team di persone altamente professionali, coordinate da Franco Travaglia, hanno allestito l’evento con passione, raggiungendo la perfezione organizzativa”.

Info: www.arco2016.com e alle pagine Facebook e Twitter

Commenti

commenti

Marco