Home » Outdoor » NUOVA PARTNERSHIP FRA BIANCHI E GRAND TOURS PROJECT

NUOVA PARTNERSHIP FRA BIANCHI E GRAND TOURS PROJECT

Bianchi, azienda italiana leader nella produzione di biciclette ad elevate prestazioni, è lieta di annunciare una nuova collaborazione con Grand Tour Projects, prestigioso bike tour operator internazionale specializzato nella creazione di viaggi in bicicletta d’eccellenza, con l’obiettivo di proporre destinazioni fra le più ambite ed in grado di esaltare le performance dei ciclisti partecipanti.

Grand Tours Project e Bianchi proporranno una serie di innovativi bike tour “Powered by Bianchi”, espressamente pensati per appassionati con il gusto della performance, in cerca di una nuova sfida con sé stessi. Il primo tour – parte di una nuova serie denominata “Roads of Legends” – porterà gli ospiti ad affrontare alcuni dei più leggendari passi sulle Alpi, dall’Alpe d’Huez allo Stelvio, dal 9 al 16 settembre 2018. Il tour rappresenterà anche l’occasione per ricordare la straordinaria vita del leggendario Fausto Coppi, in concomitanza con il 99° anniversario della sua nascita in Piemonte.

 

Gli elementi caratterizzanti del tour sono:

  • Ascesa verso i due più alti passi Europa: Col de l’Iseran (2.764m) e Passo dello Stelvio (2.760m)
  • Visita della casa natale di Coppi a Castellania in Piemonte – oggi un museo a lui dedicato – e pedalata sui suoi percorsi d’allenamento
  • Tour guidato all’interno dello stabilimento Bianchi a Treviglio (BG) e cena VIP al Bianchi Café & Cycles di Milano
  • 6 giornate in sella ad una Bianchi Infinito CV con freno a disco e cambio elettronico, modello endurance racing utilizzato in gara dal Team World Tour LottoNL-Jumbo
  • Abbigliamento tecnico Bianchi (maglia, pantaloncino)

Le prenotazioni per il tour “Alpe d’Huez to Stelvio, Powered by Bianchi” sono già aperte. I successivi bike tour “Powered by Bianchi” saranno annunciati nel corso del 2018.

Della partnership fa parte anche la fornitura a Grand Tours Project da parte di Bianchi di una flotta di biciclette Bianchi Infinito CV, con le quali gli ospiti pedaleranno sulle più belle strade d’Europa e del resto del mondo. La bici endurance Infinito CV Disc – bicicletta ufficiale di Grand Tours Project – equipaggiata con gruppo elettronico Shimano Ultegra Di2, è progettata con il rivoluzionario sistema Bianchi CV, con il materiale in carbonio Countervail® protetto da brevetto che elimina le vibrazioni provenienti dal fondo stradale e garantisce al ciclista un minor affaticamento muscolare ed un maggiore controllo. La geometria endurance del telaio assicura la posizione di pedalata ideale per le lunghe distanze e allo stesso tempo la rigidità e la reattività ideali di una bici da corsa testata sul pavé e vincitrice di tappa al Tour de France.

La partnership consentirà anche a Bianchi e Grand Tours Project di arricchire e approfondire l’esperienza ciclistica dei propri ospiti, offrendo opportunità esclusive come visite VIP allo stabilimento Bianchi, eventi speciali con ciclisti professionisti ed accesso privilegiato al Team LottoNL-Jumbo, sponsorizzato da Bianchi, durante i Grandi Giri e altri appuntamenti.

Siamo onorati di questa partnership con Grand Tours Project, un’eccellenza riconosciuta nel settore bike tours, che ci consentirà di offrire nuove esperienze ciclistiche all’insegna della performance. Bianchi è lieta di mettere a disposizione di Grand Tours Project una flotta di biciclette endurance Infinito CV Disc, una bici già protagonista nelle competizioni ai massimi livelli, un modello ideale per affrontare anche le strade più difficili. Siamo entusiasti dell’innovativa formula ideata insieme a Grand Tours Project e delle splendide destinazioni proposte, il tutto finalizzato ad offrire l’esperienza ciclistica definitiva,” ha dichiarato Claudio Masnata, Marketing and Communication Manager di Bianchi.

Keith Tuffley, Fondatore di Grand Tours Project, ha sottolineato che “Bianchi è il partner perfetto per gli ospiti di Grand Tours Project, con la sua lunga e prestigiosa storia, le sue forti radici italiane, una cultura votata all’innovazione e alla performance, oltre che ad una assoluta leadership nel design. Il nostro obiettivo è offrire le migliori esperienze ciclistiche sulle più belle strade d’Europa e del Mondo, e Bianchi rappresenta il completamento ideale di questa proposta. L’innovazione è fondamentale sia per Bianchi, sia per noi, ed insieme progetteremo un’ampia proposta di nuovi bike tour ed esperienze per permettere ai nostri ospiti di godere il meraviglioso mondo del ciclismo in maniera ancora più profonda”.

Bianchi: Fondata da Edoardo Bianchi nel 1885 a Milano, Bianchi è un’azienda produttrice di biciclette ad elevate prestazioni, ed offre una gamma completa di modelli Strada, MTB, City-Fitness, e-bike ed accessori per rispondere alle esigenze di ogni ciclista. Bianchi ha collaborato con Materials Sciences Corporation per sviluppare l’innovativo ed esclusivo sistema integrato Bianchi CV, che cancella le vibrazioni grazie all’utilizzo del materiale brevettato in carbonio Countervail®. Grazie alla speciale architettura delle fibre ed alla resina viscoelastica, Countervail® cancella l’80% delle vibrazioni provenienti dal fondo stradale, aumentando al contempo la rigidità e la robustezza dei telai e delle forcelle in carbonio Bianchi CV.
Bianchi è creatività italiana dal 1885.

Grand Tours Project: Grand Tours Project propone esclusive e appassionanti avventure alla scoperta della cultura del ciclismo, attraverso le strade più belle d’Europa e non solo.  Nel 2013, con poche ore di vantaggio sul gruppo dei ciclisti professionisti, Keith Tuffley affrontò in bicicletta tutte le tappe dei tre Grandi Giri – Giro d’Italia, Tour de France e Vuelta a España – diventando il primo cicloamatore a compiere questa impresa. Chief Cycling Officer di Grand Tour Project è Alain Rumpf, ex atleta élite che ha lavorato per vent’anni nell’Unione Ciclistica Internazionale (UCI), quale responsabile dell’UCI Pro Tour e organizzatore del Tour of Beijing. Grand Tours Project è Official Tour Operator del Giro d’Italia e della Maratona dles Dolomites.

Commenti

commenti

Marco