News
Home » Outdoor » ESTATE A VILLACH: SUI PEDALI A STRETTO CONTATTO CON LA NATURA

ESTATE A VILLACH: SUI PEDALI A STRETTO CONTATTO CON LA NATURA

Con i suoi numerosi percorsi e piste ciclabili, la regione di Villach – Lago di Faak – Lago di Ossiach è la meta perfetta per tutti gli amanti delle due ruote: dalla ciclabile della Drava al “Dreiländer-Tour”, il tour dei tre paesi (Italia, Austria e Slovenia) passando per i nuovi trail e per il giro dei dieci laghi, l’offerta cicloturistica di Villach è ricca di preziosi spunti per chi desidera concedersi una vacanza all’insegna di una lenta e consapevole scoperta dei luoghi. Che sia su bici da strada, mountain bike o bici a pedalata assistita, il cicloturista può immergersi direttamente nelle affascinanti attrattive del paesaggio carinziano.

Scoprire in totale libertà e autonomia i luoghi, seguire il proprio ritmo lungo un itinerario che concilia movimento e relax, attività fisica e svago. Questi gli aspetti che hanno reso il cicloturismo un modello vincente, adottato da un numero sempre maggiore di visitatori: dagli irriducibili che non vogliono rinunciare all’allenamento nemmeno in vacanze, alle famiglie desiderose di vivere insieme un’esperienza piacevole.

La regione carinziana di Villach – Lago di Faak – Lago di Ossiach, piccola perla incastonata nel sud dell’Austria, a pochi chilometri da Tarvisio e dal confine italiano, offre numerose possibilità per chi intende vivere un’estate attiva in sella alla propria bicicletta. Grazie a un’efficiente rete di trasporti pubblici, il viaggio in bicicletta può essere un’occasione di godersi la giornata in totale relax: è possibile infatti prendere l’autobus ciclistico, il “Radbus”, in direzione Spittal, Tarvisio o Kranjska Gora, per poi salire in sella e pedalare lungo gli itinerari proposto.

E per chi è fornito di Erlebnis Card, il trasporto via bus è solo uno dei tanti servizi gratuiti da non lasciarsi scappare!

Pedalare lungo le piste ciclabili più belle

Non sarebbe una vacanza sui pedali senza una rete di itinerari tutti da scoprire. La zona turistica di Villach – Lago di Faak – Lago di Ossiach offre a tutti i cicloturisti la possibilità di seguire percorsi estremamente suggestivi che si snodano lungo le sponde dei laghi di Ossiach e di Faak. Tracciati semplici adatti anche alle famiglie con bambini a seguito, che garantiscono una lenta e piacevole esperienza all’insegna della sostenibilità. Ideali per scoprire il territorio sono anche la ciclabile carnica, che si dipana lungo il fiume Gail, la Ciclovia Alpe-Adria che, partendo da Salisburgo e passando per Villach, conduce fino a Grado, ma soprattutto la pista ciclabile della Drava.

Quest’ultimo è uno degli itinerari cicloturistici più celebri e frequentati in Europa: basti pensare che è una delle quattro piste ciclabili europee ad essere premiate con le cinque stelle dal club ciclistico tedesco ADFC, in aggiunta ad altri prestigiosi riconoscimenti, come il Green Road Award 2016. L’itinerario segue il corso del fiume omonimo per ben 366 chilometri da Dobbiaco a Maribor, in Slovenia, passando per la Carinzia in un tratto particolarmente suggestivo e adatto alle famiglie.

Tra monti e laghi, le nuove esperienze off road sulle due ruote

Nel paesaggio tipicamente alpino che circonda Villach e il suo territorio, i biker, in cerca di sentieri tecnici e panoramici, trovano un terreno particolarmente stimolante da esplorare e percorrere. Per chi ama salire sulla propria mountain bike e godersi un’esperienza a tu per tu con la natura sono perfetti gli itinerari tra l’Alpe Gerlitzen, il lago di Faak e il lago di Ossiach. Qui si trovano diversi tipi di terreno per diversi livelli di allenamento: ripide salite e discese tecniche per i biker più rodati, itinerari con dislivello e difficoltà minori per chi invece vuole concedersi una gita in totale relax.

Estremamente affascinante, soprattutto per gli aficionados delle due ruote off road, è il “Dreiländer-Tour”, il giro dei tre Paesi (Austria, Slovenia e Italia): si tratta di un tracciato lungo 81 chilometri che attraversa la catena delle Caravanche per il passo Jepzasattel, raggiunge la località slovena di Kranjska Gora e, successivamente, i laghi di Fusine, Tarvisio per poi ritornare in Carinzia, sulle sponde del lago di Faak, lungo la Ciclovia Alpe-Adria.

Più brevi ma non meno consigliabili sono il nuovo Prefelnig-Mountainbike-Tour, un percorso di circa 11 chilometri che si sviluppa sul versante meridionale dei Tauri di Ossiach, con una vista mozzafiato sul lago omonimo, e il giro del monte Oswaldiberg, presso Villach, che presenta la medesima lunghezza. A poca distanza, sul monte Kumitzberg, si trova il nuovissimo “areaone Mountainbike Skill Center Villach”: il primo centro dedicato alla tecnica di guida della mountain bike nell’area dell’Alpe-Adria.

Qui principianti, agonisti e piccoli biker possono imparare trucchi e consigli da guide professioniste della mountain bike. Per le prove sono a disposizione sei brevi trail-scuola di diversi livelli di difficoltà e le proposte di allenamento spaziano da esercizi di equilibrio a curve impegnative e strette fino a salti di oltre cinque metri. I corsi di tecnica di guida all’areaone sono iniziati a giugno, ma già dal mese di maggio si organizzano trail-workshop settimanali con escursioni guidate sul nuovo Kopein Trail, nelle vicinanze del lago di Faak. Il Mountainbike-Enduro-Trail è lungo circa sei chilometri ed è un percorso di media difficoltà, adatto a biker con un buon allenamento. Altri due brevi single trail in fase di progetto sono il Samonig-Trail e il Shorty-Trail presso Latschach. In questo modo, gli appassionati di MTB potranno presto unire i tre itinerari in un’emozionante MTB-Enduro-Tour che si snoderà in gran parte su single trail.

In E-bike sulle sponde dei laghi carinziani

Un fenomeno, in rapida crescita, capace di avvicinare alle due ruote anche i meno avvezzi all’attività sportiva. Quella delle E-Bike, o bici a pedalata assistita, è una vera e propria rivoluzione nell’approccio alla bicicletta. Con una riserva di potenza e di watt nessuna salita è troppo ripida, nessun percorso è troppo lungo. Pedalando con l’ausilio del motore elettrico, si risparmia molta fatica e questo permette a un numero sempre più ampio di turisti di scoprire in maniera attiva ed ecosostenibile i luoghi di interesse.

Tutta la zona di Villach è perfettamente attrezzata per accogliere i turisti forniti di E-Bike grazie a una rete professionale di stazioni dove è possibile noleggiarle, ricaricare o cambiare la batteria. Pedalare su biciclette a pedalata assistita riduce a zero l’impatto sull’ambiente circostante e, al tempo stesso, consente escursioni più lunghe e affascinanti, come il giro dei dieci laghi: la “tappa del re”, che tocca sette dei nove laghi della regione di Villach, più il maggior lago della Carinzia, il Wörthersee.
Per informazioni: www.region-villach.at/it

Commenti

commenti

Marco