Home » Sport » Mountain Bike » TRIVENETO ENDURO MTB: RISULTATI DEL LAMON ENDURO

TRIVENETO ENDURO MTB: RISULTATI DEL LAMON ENDURO

Lamon Enduro è finita…il tranquillo paesino veneto ritorna alla normalità, anche se siamo sicuri che il numero di frequentatori dei sentieri cresceranno in questa primavera/estate, come è già successo dopo l’edizione dello scorso anno.

Il tempo quest’anno è stato clemente, anzi, perfetto! Le Speciali hanno dato il meglio di se e, a sentire i vari commenti, non esageriamo nel dire che quest’anno la ‘Lamon Enduro’ ha centrato l’obiettivo, confermandosi come location perfetta per l’enduro.

AR6 DH Team ha messo tutto il suo impegno…e si è visto! Discese velocissime e tratti veramente impestati…varianti nel bosco, tra un albero e l’altro, pochi ma intensi rilanci…insomma, tutto quello che un vero endurista (con un animo dh…) vorrebbe trovare in una speciale!

Ma arriviamo ai risultati: Marco De Col ha confermato la leadership, imponendosi come leader assoluto: il suo cronometro si è fermato ai 12’50.54, un tempo di tutto rispetto.

E gli altri? Nicola Zortea riesce a strappare il secondo posto, mentre Francesco Remoto perde una posizione rispetto al 2015…ma comunque è sempre lì! Stefano Udeschini dimezza la differenza di posizioni dal leader rispetto al 2015  – da 12-esimo a sesto, e per fortuna che diceva di non essere ‘abbastanza concentrato’..:-).  Questo un piccolo esempio, ma se andate a curiosare le classifiche, vederete conferme e new entry…che questa gara stia veramente diventando una classica?

Conferme e nuovi atleti anche per le classifiche di categoria, con Giulia Albanese che sottolinea il suo ottimo stato di forma e si impone tra le donne master davanti a Denise Tremul e Elisa De Zotti. Tra i maschietti troviamo Nicola Zortea primeggiare nella categoria accorpata Junior Sport ed Elite Sport, lasciando il secondo e terzo posto rispettivamente a Francesco Remoto e Stefano Udeschini. Sempre tra i master, nella M1+M2 si incontra la faccia nota di Federico Giubilato (alcuni si ricordano ancora la sua performance nella tappa SuperEnduro di Andalo del 2009!) che lascia dietro di se Nicola Rossi e uno dei pochi stranieri presenti, l’inglese James Strachan – purtroppo nelle regionali, per regolamento FCI,  ne possono correre solo un numero limitato!

Nella M3-M4 Alessandro Scalcon si impone su Ruggero Iob, ottimo secondo, e Marco Dorigatti, che sembra ormai abbonato alla terza posizione…e arriviamo agli intramontabili M5-M6+ ove il terzetto di testa riconferma l’ottima forma di Carlo Zortea (secondo) e Claudio Remoto (terzo) lasciando il posto d’onore a Gianni Tecchio.

Giungiamo quindi alle categorie Junior e Open. Nella Junior maschile, l’ottimo Giacomo Lodolo riesce a strappare quella manciata di secondi che gli permettono di stare davanti a Michele Dreossi (secondo) e a Riccardo Garbuio (terzo).  Nella Open Maschile, troviamo come detto, la riconferma di Marco De Col davanti ad Alessandro Zoppelli e al secondo partecipante straniero Georg Widmann. La Open femminile vede Julia Tanner con quasi un minuto di vantaggio sulla seconda Elisa Rigo; chiude la categoria il terzo posto di Jessica Merlach della 360MTB.

Ma la grande sorpresa di quest’anno è la riconferma della compagine giovanile (Esordienti ed Allievi). Iniziamo con il dire che quest’anno i numeri per queste categorie è quasi raddoppiato…e questo è un bel segnale! Sorprende sicuramente tutti Anita Rossi: si merita il primo posto nella categoria Giovanile femminile e, pur essendo unica partecipante, i suoi tempi sono di tutto rispetto (guardare le classifiche per credere!). Negli Esordienti, Pietro Tranquillin deve lasciare il posto d’onore a Francesco Dreossi mentre tra gli allievi troviamo in circa 20 secondi il terzetto di testa, con un determinato Roberto Paludetto che precede Giacomo Dalla Giustina e Davide Fedegari.

Ci preme ricordare che queste categorie hanno fatto solo le ultime due Speciali, ma uno sguardo attento ai loro tempi ci fanno capire che non solo sanno affrontare le risalite senza problema, ma che sanno scendere, e bene, lungo i fantastici sentieri di Lamon!

Non ci resta quindi che fare i complimenti a tutti: atleti, organizzatori della AR6 DH Team  e soprattutto a tutti i volontari che, dando una mano sul percorso, ai ristori e al pasta party finale (giusto per menzionare alcune delle attività da loro svolte) sono la colonna vertebrale di qualsiasi manifestazione di questo tipo.

Classifiche complete qui.

Prossima ed ultima prova il 26 giugno a Canazei (TN).

Commenti

commenti

Marco