Home » Sport » Mountain Bike » SÜDTIROL DOLOMITI SUPERBIKE A QUOTA 37 NAZIONI

SÜDTIROL DOLOMITI SUPERBIKE A QUOTA 37 NAZIONI

A Villabassa – Val Pusteria, in Alto Adige, il comitato organizzatore della Südtirol Dolomiti Superbike del 7 luglio prossimo si è recentemente riunito per ‘togliere il velo’ alla 24.a edizione di uno dei primi eventi in Europa in materia di ruote grasse. Mentre le iscrizioni sono ancora aperte alla quota di 100 euro, il presidente Kurt Ploner registra già 37 nazioni partecipanti ma anche una folta rappresentanza di concorrenti italiani, l’80% suddivisi in ben 96 province.

Gli atleti più “esperti” della prossima edizione saranno Herbert Breuer, classe 1940 e tempra d’acciaio per affrontare uno degli itinerari di gara, ed Antonella Balducci, classe 1958. La maggior rappresentanza di bikers proviene dalla fascia d’età tra i 40 e i 49 anni, subito dietro i 50-59.

Gli itinerari di gara, di 60 km e 1.785 metri di dislivello e di 119 km e 3.357 metri di dislivello, saranno come sempre all’insegna dell’avventura e delle specificità tecniche, un grande lavoro anche per il comitato, impegnato a rendere perfetto tutto il manto di gara salvaguardando in primis l’aspetto sicurezza.

Tanti, tantissimi anche i premi ai vincitori, fino ai primi 15 uomini e alle prime 10 donne della distanza lunga (2.500 ai primi classificati, 1.500 ai secondi e 700 euro ai terzi), mentre nella distanza corta saranno premiati i migliori cinque (300 euro ai primi), senza contare i riconoscimenti “Sprint” e “Mountain Sprint” (200 euro ai primi classificati).

Sabato 7 luglio si svolgerà dunque la 24.a edizione, ma non va dimenticato lo Junior Trophy della giornata successiva dedicato ai mini bikers, per sentirsi subito grandi, percepire la tensione in partenza e divertirsi come solo i piccoli sanno fare. Una mini-competizione dal fascino unico che si terrà nel fine settimana della Südtirol Dolomiti Superbike, la manifestazione che fa della propria unicità un’eccellenza.

Per info ed iscrizioni: www.dolomitisuperbike.com/it

Commenti

commenti

Marco