Home » Sport » Running » IL BRESCIANO GIOVANNI PARIS E LA BERGAMASCA LAURA RAVELLI SONO GLI STONEMAN 2018

IL BRESCIANO GIOVANNI PARIS E LA BERGAMASCA LAURA RAVELLI SONO GLI STONEMAN 2018

In 13:56:33 al cospetto del maestoso Passo Paradiso, a 2.600 m slm, Giovanni Paris (Feralpi Triathlon) di Bagolino, in provincia di Brescia, ha varcato per primo il traguardo conquistando il titolo di StoneMan 2018. In 19:04:15 è stata, invece, la bergamasca Laura Ravelli (Bergamo Triathlon), di Sovere, ad affermarsi come miglior tempo tra le donne in questa sfida estrema che, proprio per la sua unicità, ha però visto premiati sul podio con l’ambita stone tutti i finisher, provenienti anche da Francia, Brasile, Germania, Danimarca, Regno Unito, Afghanistan. Il secondo miglior tempo maschile è stato quello di Mauro Folchini in 14:05:14, seguito da Matteo Andreini (226 Triathlon Valle Camonica) in 14:12:17, mentre tra le donne Angela Daffini in 19:20:54.

Tra le gare full distance di nuoto (3.8 km), bici (175 km) e corsa (42 km) più avvincenti e dure d’Europa, StoneBrixiaMan, realizzata grazie alla collaborazione tra TriO Events, la Provincia di Brescia e il Comune di Ponte di Legno, ha spinto 70 triatleti a intraprendere un viaggio partito dall’oscurità delle prime ore del mattino, alle ore 4 dal Lago d’Iseo, per poi scalare letteralmente il Passo Paradiso, con un dislivello complessivo di 6 mila metri.

Pratico trail e skyrunning da quando ero 25enne – ha dichiarato il 41enne Giovanni Parise lo scorso anno ho deciso di cambiare dedicandomi anche alla triplice disciplina. Dopo un olimpico a giugno, StoneBrixiaMan è stato il mio secondo triathlon in assoluto. Puntavo a un buon piazzamento, magari tra i primi 15 classificati, ma mai avrei creduto di vincere, il mio unico obiettivo era portare a termine questa bellissima competizione. La frazione di nuoto è stata certamente la più dura per me: ho perso subito la boa, ho cercato di recuperarla, concludendola intorno alla 30esima posizione. Nella frazione di bici sono riuscito a rimontare, gestendo le energie e chiudendola in quarta posizione, nonostante le difficoltà riscontrate sul Gavia che mi hanno fatto rallentare molto, per poi puntare tutto nella corsa. Soprattutto da Edolo il percorso è stato fantastico, non avevo mai gareggiato in questi splendidi territori. Devo ringraziare il mio supporter, che con la sua esperienza ha saputo darmi il giusto ritmo nella corsa dove, dopo 20 km, sono riuscito a superare il primo, e la mia amata montagna, che come sempre ha saputo ispirarmi e trasmettermi l’adrenalina necessaria per raggiungere il traguardo”.

StoneBrixiaMan è stata molto più di una gara – ha dichiarato la 41enne Laura Ravelliè stato un vero e proprio viaggio, perché ci ha dato la possibilità di passare dalle acque del Lago, nell’oscurità delle prime ore del mattino, alle vette più alte del comprensorio della Valle Camonica. Anche nella frazione di bici, che prediligo della disciplina, risalire la valle e i passi più importanti del territorio è stato bellissimo. Arrivare poi con la frazione di corsa, molto tosta, verso Passo Paradiso ai piedi del ghiacciaio è stata la più suggestiva ed emozionante conclusione di questa avventura. Pratico triathlon da due anni ma, essendo la mia prima gara full distance, mi sono preparata da un anno e ho messo in campo tutte le energie anche grazie all’aiuto del mio supporter. A prescindere dalla vittoria, riuscire a tagliare il traguardo rappresenta una soddisfazione incredibile. Un appuntamento a cui non potrò di certo mancare anche nel 2019”.

Oltre ogni risultato e competizione – ha dichiarato Massimiliano Rovatti di TriO Events – tutti gli atleti che hanno voluto fortemente mettersi in gioco in questa incredibile impresa affrontando i propri limiti e anche le proprie paure, a totale contatto con la natura, sono per noi dei veri StoneMan. La pietra che abbiamo consegnato a tutti i finisher sul podio vuole essere il simbolo dell’estrema fatica, della travolgente passione per il triathlon e delle intense emozioni di cui sono stati protagonisti a Ponte di Legno, che abbiamo avuto l’onore di condividere, in quella che ci auguriamo rappresenti un’esperienza sportiva e di vita indelebile. Proprio come ricorda il nostro messaggio di consacrazione dei finisher, StoneMan è scorgere l’eternità in un pezzo di roccia, è il Paradiso sopra un lago tra le nuvole. StoneMan è tenere l’infinito nel palmo della mano e l’eternità in un’emozione”.

IL PERCORSO

A ospitare StoneBrixiaMan Ponte di Legno, in Valle Camonica, località immersa in un fondovalle tra Lombardia e Trentino-Alto Adige, tramite il Passo del Tonale, e fra le province di Brescia e Sondrio, tramite il Passo di Gavia. Con una partenza a dir poco suggestiva, dalle acque del Lago D’Iseo alle ore 4 del mattino, ha avuto inizio la frazione di nuoto, da chiudere in massimo 2 ore, fino alla zona cambio a Sulzano.

Il percorso in bici ha attraversato in 175 km tutta la Valle Camonica fino a Edolo, per affrontare il primo dei 3 passi, l’Aprica, a 1.176 metri sul livello del mare e, a seguire, il Mortirolo, a 1.852 m slm. Una lunga discesa li ha portati poi a valle per risalire verso Ponte di Legno, da dove ha avuto inizio l’assalto al Passo Gavia, a 2.621 m slm. L’ultima discesa ha condotto i partecipanti alla zona cambio in piazza a Ponte di Legno, con un tempo massimo fissato in 11 ore e un dislivello positivo complessivo di 4.700 m.

La frazione di corsa, da attraversare in massimo 7 ore, ha avuto i suoi primi 25 km su un percorso intorno a Ponte di Legno senza particolari asperità. Dal 25° km l’inesorabile salita verso il Passo del Tonale, a 1.883 m slm, con un ultimo strappo di circa 8 km per raggiungere finalmente il traguardo a Passo Paradiso, dove si sono toccati i 2.600 m slm. Il dislivello positivo complessivo è stato di 2.350 m.

I VINCITORI DELLA PRIMA EDIZIONE

Degli 86 iscritti nella passata edizione, tra cui 83 uomini e 3 donne, solo 50 triatleti (48 uomini e 2 donne) hanno raggiunto la finish line. A vincere l’altoatesino Roland Osele in 13:51:26, seguito dal novarese Cristiano Tara in 14:02:21 e dal comasco Renato Dell’Oro in 14:08:27. La prima donna a tagliare il traguardo è stata la slovena Karla Oblak, in 17:09:59, seguita da Elena Marocci in 18:22:28

Commenti

commenti

Marco