Home » Sport » La Montagnetta di Milano: ci siamo quasi

La Montagnetta di Milano: ci siamo quasi

COMUNICATO STAMPA

Cresce il fermento attorno alla tappa di Milano degli Internazionali d’Italia Series XC, La Montagnetta Mtb.
I campioni in attività si sfidano attraverso i social: ecco per esempio l’ultimo video in cui Josè Hermida lancia il guanto di sfida a Marco Aurelio Fontana:

Internazionali d’italia 2016 || Josè Hermida sfida Marco Fontana a Milano from Internazionali d’Italia Mtb on Vimeo.

Nell’attesa, abbiamo raccolto i ricordi di due grandi ex che hanno corso in passato alla Montagnetta di San Siro.
Partiamo dalla regina della Mtb per eccellenza Paola Pezzo, campionessa olimpica ad Atlanta 1996 e Sidney 2000.
La biker italiana più famosa della storia non mancherà all’appuntamento con gli Internazionali d’Italia Series per riabbracciare una città che rammenta come un grande palcoscenico ai tempi d’oro delle ruote grasse.

«Degli anni tra il 1998 ed il 2000 custodisco un sacco di bei momenti. La tappa della Montagnetta era diventata una classica al pari di ciò che rappresenta la Milano-Sanremo per il ciclismo su strada. Milano era la “classica della Mtb”, peccato da allora siano passati tanti anni prima di riportarla all’interno del circuito» commenta la fuoriclasse veronese.

«Il ritorno di questa tappa mi riempie di gioia, farò il possibile per non mancare a Pasquetta. Delle volte che ho corso a Milano ricordo che c’era tantissima gente a vedere e a fare il tifo, un pubblico del genere non si vedeva da tanto tempo, spero di ritrovarlo quest’anno perché i ragazzi e le ragazze in attività lo meritano. Avvicinare la nostra disciplina alle grandi città è la chiave del successo. Invito gli appassionati delle due ruote a non perdere l’occasione di venire ad ammirare da vicino i migliori portacolori del fuoristrada mondiale» conclude l’unica biker, insieme a Gunn-Rita Dahle (tra i campioni già confermati al via, ndr), ad aver vinto in carriera sia ai giochi olimpici, sia ai mondiali, sia la classifica finale della coppa del mondo.

Trapela grande entusiasmo anche dalle parole del Direttore Tecnico di tutte le Nazionali Fuoristrada e Commissario Tecnico per l’attività Mtb Hubert Pallhuber, in passato tra i campioni protagonisti alla Montagnetta di Milano e ora attento osservatore chiamato nel 2016 a decisioni importanti.

«Gli Internazionali d’Italia hanno una grande tradizione e per quanto riguarda il profilo atletico rappresentano un’occasione di confronto internazionale di assoluto livello, importantissima soprattutto quest’anno. Questo circuito ci viene incontro mettendo sul tavolo tanti punti preziosi per la qualificazione olimpica di un terzo uomo (l’Italia è in lizza con altre nazioni per poter schierare 2 o 3 uomini al via dei Giochi Olimpici in Brasile, ndr). I nostri ragazzi sono molto motivati, correre nelle città davanti a un grande pubblico sarà eccezionale. Sono davvero felice del ritorno di Milano come seconda tappa» commenta il campione del mondo XCO 1997.

«Mi auguro ci saranno tanti tifosi, come ai miei tempi. Avere i grandi campioni della Mtb fuori casa è un’occasione strepitosa per tutti gli appassionati delle ruote grasse. Alla Montagnetta Marco Aurelio Fontana, il nostro capitano per Rio de Janeiro, correrà in casa quindi mi aspetto un grande show. Non mancate, mi raccomando» chiosa il tecnico azzurro.
Appuntamento da segnare sull’agenda quindi: 28 marzoMonte Stella, Milano.

www.montagnettamilanomtb.it.

Commenti

commenti

Marco

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*