News
Home » Sport » Ciclismo » LA MONTAGNA DI CHARLY GAUL IN UN NUOVO PROGETTO

LA MONTAGNA DI CHARLY GAUL IN UN NUOVO PROGETTO

Oggi, alla Fondazione Cassa di Risparmio di Trento e Rovereto, erano presenti il dirigente della Fondazione Caritro Filippo Manfredi, il direttore dell’APT Trento, Monte Bondone, Valle dei Laghi Elda Verones, Alessandro de Bertolini per la Fondazione Museo Storico del Trentino, la responsabile di produzione del Museo Storico del Trentino Alice Manfredi ed il regista Martin Tranquillini accompagnato da Anna Bressanini, per discutere del progetto “La funivia di Sardagna sul Monte Bondone. Le vie di comunicazione, il turismo ed i grandi eventi sportivi sulla montagna di Charly Gaul”, promosso da tre Enti che hanno davvero a cuore gli interessi del Trentino.

Dal 7 al 9 luglio Trento, il Monte Bondone e la Valle dei Laghi verranno interessati dalla 12.edizione de “La Leggendaria Charly Gaul”, un evento che non è solo sportivo e che soprattutto ha dato spunto e vita a tre progetti molto importanti, sempre realizzati con la collaborazione di APT Trento, Monte Bondone, Valle dei Laghi, Fondazione Museo Storico del Trentino in collaborazione con ASD Charly Gaul Internazionale e Fondazione Caritro: nel 2015 con la mostra “Il cavallo d’acciaio – Storie di ciclismo in Trentino. Dalla Leggendaria Charly Gaul alla Moserissima”, lo scorso anno con la realizzazione della mostra “Il Monte Bondone. Storie e memorie dell’Alpe di Trento a sessant’anni dell’impresa di Charly Gaul” ed ora, a conclusione di questa iniziativa triennale, ecco il completamento di un format televisivo di 10 puntate che andranno in onda su History Lab e sul canale YouTube dell’APT cittadina.

L’apertura degli interventi non poteva che spettare al “padrone di casa”, il dg Filippo Manfredi: “Un piacere ospitare quest’iniziativa, divenuta oramai un appuntamento annuale. La Fondazione promuove e sostiene progetti culturali e questo è uno di essi. Questo è un progetto nuovo per certi versi, qui c’è una partnership con soggetti diversi fra enti di ricerca ed enti di promozione del territorio, ed avere 10 puntate in cui ci si confronta su tematiche differenti per noi è molto importante, si parla di sport, di montagna, di storia e di turismo”. Elda Verones è sempre impegnata a spingere il proprio territorio verso l’eccellenza: “La storia unita allo sport, promossa in esclusiva da queste dieci puntate. Un percorso lungo tre anni, che non sarebbe stato possibile senza la fondazione Caritro. Un racconto a tappe, come quello della bicicletta, dall’8 giugno 1956 all’intitolazione della salita del 16 ottobre 2005, con Charly Gaul venuto personalmente a ritirare il premio. Una giornata epica quest’ultima, sfociata in un raduno di cicloamatori, dai pochi del primo anno, ai 2500 partenti delle ultime edizioni. Fare tesoro del lavoro degli ultimi anni, facendo uso del nostro patrimonio di ricerca, renderà uniche queste dieci puntate, raccontando la funivia di Sardagna e le vie di collegamento che hanno fatto la storia”.

Nei primi decenni del ’900 fu realizzata la funivia Trento-Sardagna, una via… di comunicazione tanto importante allora come oggi. Da sempre è un mezzo indispensabile per chi abita sulla montagna di Trento, ed oggi ci permette di raccontare 10 belle storie, come ha affermato Alessandro de Bertolini: “Idea nata da un rapporto di collaborazione importante, fra Museo Storico, APT e Fondazione Caritro. Nell’APT abbiamo trovato un partner disposto ad investire in cultura, rivolgendoci a loro siamo certi di riuscire ad intercettare un target di fruitore che altrimenti non verrebbe ai musei o leggerebbe i libri di storia. Le tematiche che abbiamo affrontato riguardano la storia dell’alpinismo, delle fortificazioni, il tema delle malghe e degli alpeggi, della nascita e dello sviluppo del turismo, delle Viote del Monte Bondone, i grandi eventi sportivi come la Trento-Bondone e soprattutto la tappa del 1956”. Gli obiettivi per un lavoro così corposo devono essere molto importanti, giusto parlarne con chi ha gestito la produzione, Alice Manfredi: “Io coordino il canale History Lab, un progetto della Fondazione Museo Storico del Trentino, un canale televisivo locale ed un progetto di divulgazione. La messa in onda di questo programma s’inserisce in primavera ed in autunno, nel corso di tre ambiti tematici: la storia, la memoria e il territorio. Questa proposta ci è piaciuta moltissimo ed abbiamo cercato di lavorarci al meglio”. Sport, cultura e storia sono un mix imprescindibile per promuovere il territorio. Tante cose da coniugare insieme. Le ha narrate Martin Tranquillini: “Ci siamo approcciati per la prima volta alla funivia in maniera del tutto autonoma, un impianto un po’ curioso che ci affascinava molto. Pian piano abbiamo capito che quella fune potesse rappresentare qualcosa di importante, una linea che collega la montagna alla natura, avendo poi la fortuna di poter collaborare con persone serie, veicolando le interviste con l’avventura, a diversi metri d’altezza sospesi nel vuoto”. A chiudere la serie di interventi ci ha pensato Roberto Stanchina, assessore al turismo del Comune di Trento: “Grande plauso a quest’attività, che mette in rete la città con la sua montagna. Stiamo cercando dei progetti validi a bassissimo impatto ambientale, il Bondone è città, un rilievo che ha dato visibilità a gloriosi personaggi, come Charly Gaul. Una montagna con una storia ed una potenzialità straordinaria, è la nostra montagna, e lo deve diventare sempre di più. La nostra è terra di grande accoglienza e che fortunatamente ha tanti attori che fanno di tutto per renderla migliore”.

I tre Enti hanno investito tempo, energie ed esperienza in un progetto a tre che merita davvero un  plauso. Questo rapporto di collaborazione certamente continuerà  e sicuramente Elda Verones, Alessandro de Bertolini e Filippo Manfredi hanno in cantiere dell’altro, siamo dunque certi che il prossimo anno assisteremo ad una nuova presentazione per conoscere un nuovo ed entusiasmante progetto.

Info: www.laleggendariacharlygaul.it; www.discovertrento.it; www.hl.museostorico.it

Commenti

commenti

Marco