Home » Sport » Mountain Bike » HERO SÜDTIROL DOLOMITES: L’ELITE MONDIALE AL VIA SABATO IN VAL GARDENA – ECCO I FAVORITI

HERO SÜDTIROL DOLOMITES: L’ELITE MONDIALE AL VIA SABATO IN VAL GARDENA – ECCO I FAVORITI

Sabato 17 giugno andrà in scena l’ottava edizione della HERO Südtirol Dolomites. La gara marathon di mountain-bike intorno al massiccio del Sella ed il Sassolungo farà parte anche quest’anno delle UCI Marathons Series, la Coppa del Mondo sulle lunghe distanze. Tra i 4017 partecipanti provenienti da 45 Nazioni ci saranno numerosi fuoriclasse mondiali, tra cui anche i primi tre dello scorso anno. Il via è in programma alle ore 7.10 (donne) e alle ore 7.20 (uomini) da Selva.

Il tracciato condurrà attraverso Val Gardena, Alta Badia, Arabba, Val di Fassa ed Alpe di Siusi. Il percorso misura 86 km e presenta un dislivello di 4.500 metri. Possibile anche una versione più breve, nella quale i concorrenti dovranno affrontare 60 km e 3.200 metri di dislivello. L’arrivo dei vincitori è previsto intorno alle 10.45 (60 km) ed alle 11.45 (86 km).

I favoriti tra gli uomini

Tra i favoriti maschili non possono mancare i primi tre classificati del 2016: il colombiano Leonardo Leon Hector Paez, il tedesco Markus Kaufmann e l’azzurro Daniele Mensi. Con quattro successi Paez è l’atleta che vanta il maggior numero di vittorie nella HERO. Nel mondiale 2015 in Val Gardena il 34enne fuoriclasse sudamericano ottenne il bronzo dietro ad Alban Lakata (AUT) e Christoph Sauser (SUI).

Il percorso è ideale per le mie caratteristiche – ha spiegato Paez. A dimostrarlo anche le quattro vittorie, tre delle quali consecutive: “Attualmente però non sono al top della condizione, perché di recente sono stato malato. L’obiettivo è di riprendersi completamente prima della gara. So di possedere buone qualità di scalatore, so di avere resistenza e so di essere in grado di affrontare al meglio salite lunghe e complesse. Per questo sono comunque tranquillo e fiducioso in vista dell’evento in Val Gardena.

L’obiettivo del secondo classificato 2016 e campione tedesco di marathon Markus Kaufmann è invece quello di conquistare nuovamente il podio.
Mi piacciono molto il percorso e il dislivello presenti nella HERO. In Val Gardena ho anche ottenuto quello che è finora il mio miglior risultato in un mondiale, il sesto posto. Per questo mi auguro di salire anche quest’anno sul podio. Rispetto molto questa gara, perché si tratta di un appuntamento estremo; quindi ho un po’ di timore, ma al contempo non vedo l’ora di affrontarla. Quest’anno sono partito male e ho vissuto una stagione con alti e bassi, probabilmente a causa delle eccessive aspettative. Di recente sono stato due settimane a Livigno per un allenamento in altura che mi ha fatto bene.”

Daniele Mensi si è già fatto notare quest’anno, vincendo due prove marathon. Il 28enne di Vicenza vuole un altro risultato di prestigio e spera quantomeno di ripetere il terzo posto dello scorso anno.
“Non voglio esagerare, ma quest’anno credo di poter puntare ad una posizione migliore del 2016. Ho strutturato la mia preparazione per essere al top della forma proprio a metà giugno. Dopo la HERO andranno infatti in scena il mondiale in Germania, una gara di Alpine Cup in Francia ed i campionati italiani. Al contempo voglio qualificarmi per il mondiale in Germania. La Alpencup di Schladming mi è servita per migliorare la mia condizione.”Tra gli ulteriori favoriti della HERO non può mancare Urs Huber, secondo nel 2014 in Val Gardena. Nel 2016 lo svizzero ha vinto la gara a tappe Cape Epic in Sud-Africa insieme al tedesco Karl Platt. L’Italia sarà invece rappresentata tra gli altri dagli specialisti marathon Juri Ragnoli (2° nel 2011), Luca Ronchi, Christian Cominelli e Tony Longo. Lo svizzero Arnaud Rapillard ed i belgi Frans Claes e Sebastien Carabin cercheranno a loro volta di ben figurare, al pari dei francesi Rèmi Laffont e Vincent Arnaud, vincitore della MB Race Culture Vèlo. Ai nastri di partenza anche l’undicesimo classificato del mondiale in Val Gardena e vincitore della Transalp, l’austriaco Daniel Greismayr, così come il tedesco Jochen Käß, sesto nel 2016.

Le favorite tra le donne

In campo femminile spiccano i nomi di Katrin Schwing (D), vincitrice nel 2011 e nel 2012, quello della polacca Michalina Ziolkowska, seconda nel 2014 e nel 2016, quello dell’azzurra Maria Cristina Nisi, terza nel 2016, e quello delle sue due connazionali Annabella Stropparo ed Elena Gaddoni (2a nel 2013), entrambe pluricampionesse italiane XCO e marathon. Attenzione anche alla specialista di durata austriaca Verena Krenslehner (seconda nel 2012).

“In base alla mia esperienza posso affermare che la HERO parte subito veloce, quindi sarà importante essere davanti fin da subito – ha affermato Katrin Schwing -. Nonostante le giovani spingano verso la vetta, sono convinta di valere le prime cinque. Un podio sarebbe naturalmente qualcosa di eccezionale.”

Vittorie/Classifica per Nazioni

Fino ad oggi sono state disputate sette edizioni della HERO Südtirol Dolomites. Nella classifica per Nazioni guida la Colombia con quattro vittorie, davanti a Italia e Germania con tre a testa. Seguono Gran Bretagna con due affermazioni, a seguire Norvegia ed Austria con una.

In campo maschile Leonardo Paez è il recordman di successi con quattro vittorie. Un’affermazione invece per Klaus Fontana (2011), Mirko Celestino (2012), ed Alban Lakata (HERO-Campionato del mondo 2015).

In campo femminile Sally Bigham e Katrin Schwing dividono la prima posizione con due trionfi a testa. L’atleta della Gran Bretagna ha vinto nel 2013 e nel 2016, la tedesca nel 2011 e nel 2012. Un oro invece per Anna Ferrari (2011), Elisabeth Brandau (D/2014) e Gunn-Rita Dahle Flesja (NOR/Campionato del mondo 2015).

Sulla HERO

La HERO è nata nel 2010. Al via della prima edizione ci furono 400 partenti. Ora si è arrivati ad oltre 4000 ed il limite è proprio 4000 più il numero dell’anno in corso (2017 = 4017). Nel 2015 la HERO ha organizzato il mondiale UCI di mountain-bike marathon. I tracciati misurano 86km/4500 metri di dislivello e 60km/3200 metri di dislivello. I partecipanti devono affrontare complessivamente quattro passi (Gardena, Campolongo, Pordoi, Mahlknecht; Passo Sella nella versione breve). Il presidente del comitato organizzatore è Gerhard Vanzi, il direttore di gara l’ex sciatore Peter Runggaldier.

Programma: www.herodolomites.com

Commenti

commenti

Marco