Home » Sport » Ciclismo » GLI STRANIERI RINNOVANO LA FIDUCIA ALLA GRANFONDO STELVIO SANTINI

GLI STRANIERI RINNOVANO LA FIDUCIA ALLA GRANFONDO STELVIO SANTINI

Si conferma l’interesse dei ciclisti oltre confine per la Granfondo Stelvio Santini: 1233 iscritti provengono da nazioni estere, segnando un incremento del 10% rispetto alla scorsa edizione. Delle 45 nazioni estere, quella con più partecipanti è la Danimarca, seguita dal Regno Unito, dove il ciclismo su strada sta diventando sempre più popolare. In totale, domenica 11 giugno saranno 2600 i partenti pronti a sfidare lo Stelvio.

Sono sempre di più gli stranieri presenti alla Granfondo Stelvio Santini: ai blocchi di partenza, l’11 giugno, ci saranno ben 1233 iscritti provenienti da nazioni estere. Un incremento di circa il 10% rispetto all’edizione 2016, crescita che rappresenta un segnale forte di quanto la manifestazione ciclistica valtellinese abbia un forte appeal a livello internazionale. I partecipanti, che in totale saranno 2.600 in rappresentanza da 46 nazioni, affronteranno uno dei tracciati disegnati dall’organizzazione: tre percorsi che hanno in comune la partenza da Bormio e l’arrivo a quota 2.758 metri dello Passo dello Stelvio. Un evento sulle strade che hanno scritto la storia della bicicletta e che quest’anno sono state vetrina di una straordinaria tappa del Giro d’Italia, con l’ascesa al Mortirolo e i mitici tornanti dello Stelvio. Al via anche Alessandro Vanotti, ex professionista su strada e ambassador Santini.

Ai blocchi di partenza

I partecipanti stranieri, sono complessivamente il 48,5% del totale, e la nazione con il maggior numero di iscritti, dopo l’Italia, è la Danimarca seguita dal Regno Unito. Un risultato ottenuto grazie a un lavoro di promozione e di relazioni pubbliche svolto nelle passate edizioni da parte dell’organizzazione e delle strutture di promozione turistica. In particolare, la presenza crescente di ciclisti di lingua inglese è proporzionale allo sviluppo che il ciclismo su strada sta avendo in Gran Bretagna, e per una azienda come Santini Cycling Wear che ha fatto della internazionalizzazione del business la propria mission, legare il proprio nome a una manifestazione di così grande valore, diventa una scelta strategica.
«Siamo davvero soddisfatti del riscontro positivo della gara e della crescente partecipazione a livello internazionale – commenta Paola Santini, responsabile marketing di Santini Cycling Wear – una crescita che simboleggia il fascino che la Granfondo Stelvio Santini esercita sui partecipanti, in particolar modo su quelli stranieri: le salite che hanno scritto la storia del ciclismo, la bellezza dei luoghi attraversati, la soddisfazione di tagliare il traguardo sullo Stelvio, sono alcune delle caratteristiche che lo rendono un evento sempre più ambito».
Non ultimo, il fatto che i 2.600 partenti alla granfondo indosseranno obbligatoriamente l’esclusiva maglia che Santini ha confezionato per l’occasione: «La partenza da Bormio sarà un colpo d’occhio che resterà nella storia iconografica della manifestazione» aggiunge Mario Zangrando che con la US Bormiese organizza la Granfondo Stelvio Santini.
Infine, per restare in tema di statistiche, è interessante notare la presenza femminile che vedrà 165 cicliste al via, corrispondente a una “quota rosa” di circa il 6,5% sul totale degli iscritti.

Tre percorsi storici, tre sfide

Sono tre i percorsi previsti: il tracciato più lungo misura 151.3 chilometri con partenza alle 7.00 da Bormio, scalata a Teglio e successivamente del Mortirolo, rientro a Bormio e salita sullo Stelvio, per un totale di 4.058 metri di dislivello. Ben 1548 corridori hanno scelto di iscriversi sul percorso lungo, una quota del 60%, segno che raccogliere la sfida più dura resta una forte motivazione nel cuore di chi pratica questo sport. Saranno oltre 730 coloro che preferiscono il percorso medio di 137.9 chilometri e oltre 3.000 metri di dislivello, che non prevede il Mortirolo; mentre quello breve di 60 chilometri è adatto a chi non ha ancora “la gamba” ma vuole mettersi alla prova sul tracciato Bormio – Sondalo, andata e ritorno, e salita allo Stelvio per un totale di 2.000 metri di dislivello.
Sul piano delle classifiche la Granfondo Stelvio Santini ha introdotto in questa edizione la novità della graduatoria con il tempo finale pubblicata in ordine alfabetico, mentre vi sarà la classifica che assegnerà la maglia a pois del migliore scalatore calcolata sui tempi di ascesa sulle salite di Teglio, Mortirolo e Stelvio.

Le nuove classifiche

A partire da questa edizione la Granfondo Stelvio Santini avrà diverse graduatorie finali: una prevede la rilevazione del tempo dalla partenza all’arrivo, con indicazione in ordine alfabetico dei concorrenti e del loro timing totale.
Una seconda classifica, divisa per i tre percorsi, riguarda il tempo complessivo impiegato nelle cronoscalate: il tracciato lungo avrà la somma del tempo impiegato su Teglio, Mortirolo e Stelvio, il percorso medio la sommatoria di quanto impiegato su Teglio e Stelvio e il tracciato corto avrà soltanto, ça va sans dire, la cronoscalata dello Stelvio. Qui verranno premiati i primi tre classificati per categoria, e il vincitore indosserà l’esclusiva maglia a pois per categoria.
Inoltre, verranno premiati tre uomini King of the Mountain e tre donne Queen of the Mountain che avranno fatto segnare il miglior tempo sulle tre singole salite: le maglie saranno sponsorizzate rispettivamente da CST per Teglio, Trek per Mortirolo e Santini per lo Stelvio.
Ultimo, ma non per importanza, verranno premiate le prime tre squadre con il maggior numero di iscritti e quella con più atleti all’arrivo, a sottolineare lo spirito aggregante del ciclismo amatoriale.

La maglia ufficiale da indossare in gara

Tutti i partecipanti riceveranno, nel pacco gara, la maglia ufficiale da indossare durante la corsa. In questo modo si agevoleranno i controlli e si creerà un colpo Il colpo d’occhio ancora più spettacolare al momento della partenza. La jersey, realizzata in esclusiva da Santini Cycling Wear per la sesta edizione della gara, è leggera e traspirante e dal taglio slim fit che aderisce al corpo senza costringere, vestendo perfettamente anche le donne. Un ricordo importante per i corridori: indossarla, dopo la Granfondo Stelvio Santini, sarà motivo di grande vanto. Un dettaglio, che sottolinea l’impegno ecosostenibile di Santini, è la presenza di un quarto taschino laterale che consente a chi la indossa di porvi il cellophane di barrette e gli scarti di gel da tenere con sé fino alla successiva isola “green” dove gettare i resti delle consumazioni in gara.

SCHEDA MANIFESTAZIONE:

Nome: Granfondo Stelvio Santini
Luogo: da Bormio al Passo dello Stelvio (provincia di Sondrio)
Edizione: Sesta
Data: 11 giugno 2017
Percorso Lungo: Bormio – Teglio – Mortirolo – Bormio – Stelvio (151.3 km, 4178 m di dislivello)
Percorso Medio: Bormio – Teglio – Bormio – Stelvio (137.9 km, 3158 m di dislivello)
Percorso Corto: Bormio – Sondalo – Bormio – Stelvio (60 km, 1950 m di dislivello)
Iscrizioni: 60 euro (fino al 31 gennaio. Dal 1 febbraio: 70 euro)
Chiusura delle iscrizioni: 15 marzo 2017
Partecipanti edizione 2016: 3.110
Sito web: www.granfondostelviosantini.com
Note: la maglia ufficiale del pacco gara è obbligatoria durante la corsa

Commenti

commenti

Marco