News
Home » Sport » Ciclismo » GIRO D’ITALIA 2017 A BERGAMO: IL COMITATO TAPPA E RCS SPORT INCONTRANO LE AUTORITA’ LOCALI

GIRO D’ITALIA 2017 A BERGAMO: IL COMITATO TAPPA E RCS SPORT INCONTRANO LE AUTORITA’ LOCALI

Con la riunione di coordinamento in Prefettura di Bergamo, scatta il piano operativo in vista del passaggio del Giro d’Italia in terra orobica: Stefano Allocchio di RCS Sport e Giovanni Bettineschi di Promoeventi Sport hanno illustrato gli elementi tecnici dell’arrivo della corsa rosa ai rappresentanti delle autorità locali del territorio.

Giro d'Italia Bergamo

Si avvicina la partenza del Giro d’Italia che avverrà il 5 maggio dalla Sardegna, e Bergamo si attrezza per accogliere in sicurezza la carovana rosa che il prossimo 21 maggio farà tappa nella Città dei Mille per poi ripartire martedì 23 maggio, da Rovetta verso la Valtellina. In vista dell’appuntamento ciclistico e del suo transito in terra orobica, si è svolta presso la Prefettura di Bergamo la consueta riunione di coordinamento tra gli organizzatori di RCS Sport e Promoeventi Sport con le forze di Polizia del territorio bergamasco e le amministrazioni locali interessate dal passaggio della corsa.

Dopo il benvenuto di Patrizia Savarese, dirigente della Prefettura di Bergamo, l’incontro è entrato nel vivo con gli interventi di Stefano Allocchio di RCS Sport e di Giovanni Bettineschi di Promoeventi Sport. In particolare Allocchio, in qualità di vicedirettore di corsa del Giro d’Italia, ha offerto la descrizione tecnica delle tappe ai presenti: oltre ai comuni e agli organizzatori, hanno partecipato alla riunione di coordinamento i funzionari di Carabinieri, Polizia Locale, Questura, Vigili del Fuoco, AREU, Protezione Civile e FCI Bergamo.

Estrema attenzione è stata posta all’impatto che la corsa avrà sull’ospitalità del territorio, visto che il Giro d’Italia porta con sé oltre 2.500 persone che dovranno essere alloggiate per due giorni in tutta la provincia.

Apprezzato l’intervento di Mirella Pontiggia, comandante della sezione di Bergamo della Polizia Stradale, che ha ricordato come quest’anno ricorrano i 70 anni dalla fondazione del corpo e dalla prima scorta di una pattuglia al Giro d’Italia. Inoltre, Mirella Pontiggia sarà caposcorta dell’intera spedizione della Polizia al Giro d’Italia, e l’occasione è stata utile anche per ricordare una serie di iniziative tese a celebrare l’importante anniversario: una di queste vedrà, lunedì 22 maggio, in occasione della Notte Rosa di Clusone, l’esposizione di 12 mezzi storici della Stradale oltre all’allestimento di una mostra fotografica arricchita da una esibizione della fanfara ufficiale a partire dalle 18.30.

L’evento di Clusone, collocato tra le manifestazioni collaterali del Giro d’Italia a Bergamo, prenderà il via alle 14.00 con attività di intrattenimento per i numerosi appassionati che seguiranno con interesse questa tre giorni di grande ciclismo in terra orobica. Inoltre, nella stessa giornata si terrà la Pedala con i Campioni, una cicloturistica non agonistica a partecipazione libera con la presenza di ex professionisti bergamaschi, che prenderà il via alle 9.30 da Alzano Lombardo in direzione Onore, lungo la pista ciclabile che porta in alta Val Seriana.

Tra le iniziative sostenute da Promoeventi Sport, anche la proposta avanzata dall’ASST Papa Giovanni XXIII, in collaborazione con le associazioni attive nel settore della donazione e trapianto di organi e tessuti, che consentirà a un piccolo gruppo di ciclisti amatori, che hanno ricevuto un trapianto di fegato, di percorrere l’ultimo chilometro di gara nella tappa di domenica 21 maggio, prima dell’arrivo a Bergamo. Nel pomeriggio, nei pressi dell’arrivo di tappa, in vista della Giornata per la donazione degli organi che verrà celebrata la domenica successiva (28 maggio) in tutta Italia, sarà allestita anche una postazione con alcuni operatori dell’Ospedale di Bergamo e volontari che forniranno informazioni su come è possibile diventare donatori di organi contribuendo, così, a salvare tante vite.

Per informazioni: giro.promoeventisport.it

Commenti

commenti

Marco