News
Home » Sport » Ciclismo » FABIO ARU IN RICOGNIZIONE SULLE STRADE BERGAMASCHE DEL LOMBARDIA

FABIO ARU IN RICOGNIZIONE SULLE STRADE BERGAMASCHE DEL LOMBARDIA

Le conosce molto bene per averci pedalato per tanti chilometri quando era dilettante, ma nonostante la “padronanza” delle salite bergamasche Fabio Aru ha voluto compiere un sopralluogo sulle ascese che secondo il ciclista sardo saranno il vero campo di battaglia del Lombardia 2016 in programma domani primo ottobre.
«Su queste strade mi sono allenato per tanti anni, e questo Lombardia è davvero un percorso duro – commenta il fuoriclasse del Team Astana durante la ricognizione– e … a questo punto vediamo in che condizione sono le gambe».
Con lui, nel sopralluogo di ieri, un piccolo plotone di compagni di squadra come il fidato Paolo Tiralongo, Dario Cataldo e il danese Jakob Fuglsang, tutti sotto la guida di Giuseppe Martinelli.

«Questa edizione del Lombardia mi piace proprio – prosegue Aru – perché il tracciato è impegnativo, e poi l’arrivo è a Bergamo, che considero un po’ la mia seconda casa». Fabio Aru, classe 1990, è stato dilettante Under-23 dal 2009 nella file del team Palazzago fino al 2012, quando è passato professionista con il team Astana.

E sulla salita di Sant’Antonio Abbandonato il giovane ciclista non ha dubbi: «L’ho fatta tante volte in allenamento ed è davvero dura» ma poi sorprende tutti con un: « …e non sottovalutiamo anche la Boccola: dopo 240 chilometri anche un cavalcavia può far male!».

Gli fa eco il suo team manager: «Il più duro Lombardia da quando sono in ammiraglia – commenta Martinellie speriamo nel bel tempo, altrimenti….».
E i favoriti? Aru azzarda due nomi su tutti: «Occhio ai colombiani, Chaves e Uran».
I tifosi sono avvisati.

Commenti

commenti

Marco