Home » Sport » Running » EUROPEI DI ARCO: L’ITALIA SCIOGLIE L’ULTIMO DUBBIO

EUROPEI DI ARCO: L’ITALIA SCIOGLIE L’ULTIMO DUBBIO

Dopo lo strepitoso successo dell’Italia calcistica agli Europei di Francia 2016 contro la Spagna, anche i runners azzurri di corsa in montagna sono in rampa di lancio per poter ben figurare, sabato 2 luglio ad Arco (TN). I nomi dei convocati ufficiali sono stati diramati, saranno i gemelli Bernard Dematteis e Martin Dematteis, Xavier Chevrier e Cesare Maestri per i Seniores, Sara Bottarelli, Valentina Belotti, Alice Gaggi ed Antonella Confortola fra le Seniores; l’unico dubbio del CT Paolo Germanetto è stato dunque sciolto, l’ex fondista trentina ora stella della corsa in montagna ha pienamente recuperato dall’affaticamento dovuto alla partecipazione ai Mondiali di lunghe distanze e sarà fra i convocati azzurri dell’Europeo di Arco.

Completeranno l’elenco gli Juniores Davide Magnini, Daniel Pattis, Andrea Rostan e Samuele Nava, mentre Giulia Zanne, Giulia Murada, Lorenza Beccaria e Francesca Franchi faranno parte della squadra Juniores al femminile.

L’Italia sta terminando il raduno in Valle di Ledro (TN), tutto sta procedendo per il meglio edoggi alle ore 18 gli atleti effettueranno un ultimo giro sul percorso di gara attorno al castello arcense, perfezionando la propria conoscenza del tracciato magnificamente allestito dal comitato organizzatore di GardaSportEvents.

Sempre alle ore 18, questa volta di venerdì 1° luglio, ci sarà la cerimonia di apertura in centro ad Arco con la presentazione delle nazionali in gara, mentre sabato 2 luglio via alle danze con lo start della competizione Junior femminile alle ore 9, alle ore 9.45 ecco la partenza degli Junior maschi, mentre alle 10.45 scatteranno le Senior donne e alle ore 12 gran finale con la sfida più attesa, quella fra i Senior uomini.

La premiazione dei vincitori è in programma alle ore 18 di sabato, mentre alle ore 22 in Piazzale Segantini ad Arco, teatro d’arrivo dei Campionati Europei di corsa in montagna, via allo show delle ‘dancing fountains’, mezz’ora più tardi ci sarà un party conclusivo e DJ set nuovamente in centro ad Arco.

Le gare avranno inizio e conclusione nel cuore di Arco, con ripetuti passaggi lungo il centro storico: nei giri intermedi e al termine gli atleti lambiranno il rione medioevale di Stanforio percorrendo la via Orbia alle pendici del castello e il vicolo delle Scale, prima di transitare sul bellissimo viale delle Magnolie con l’arrivo finale in piazzale Segantini.

Interi pullman di tifosi ‘invaderanno’ Arco per supportare i propri ‘eletti’, come il valdostano Xavier Chevrier, il fornito gruppo di supporters dei gemelli cuneesi Dematteis, per non parlare dei trentini Davide Magnini e Cesare Maestri, con quest’ultimo finalmente libero da magagne muscolari e pronto a spiccare il volo: “Quando corro in montagna tutto scorre più leggero ed anche la fatica diventa leggera, ascolto la natura e mi ascolto dentro: questa per me è libertà e solo questo sport riesce a trasmettermela. Se me l’avessero detto tre mesi fa non ci avrei creduto. Per me è una grande emozione ed un sogno che si realizza. Sarà un onore poter vestire la maglia azzurra per di più ad Arco, in casa, e su un percorso che mi è sempre piaciuto. Ho dei compagni di squadra fantastici, degli amici che mi hanno sempre incoraggiato. Cercherò di fare del mio meglio per questa grande squadra e mi raccomando, venite numerosi a tifare per noi!”.

Un augurio ai corridori e ad una buona riuscita della manifestazione anche dalle parole di Roberta Maraschin, direttore di Garda Trentino: “Ringrazio organizzatori e volontari per aver reso possibile un evento che è il nostro fiore all’occhiello, una manifestazione legata indissolubilmente al Garda Trentino e al nostro territorio”. Ieri nel tardo pomeriggio gli atleti azzurri si sono recati ad Arco per effettuare un’ultima prova tecnica sul percorso di gara, ogni dettaglio in vista degli Europei è stato studiato ed ultimato, ora non presta che mettere in pratica quanto appreso.

Info: www.arco2016.com

Commenti

commenti

Marco