Home » Sport » Running » 60 GIORNI ALLA MARCIALONGA COOP

60 GIORNI ALLA MARCIALONGA COOP

Omaggi in vista per i partecipanti alla Marcialonga Coop, allo start il 2 settembre prossimo, quando la calura estiva avrà già abbandonato le Valli di Fiemme e Fassa (TN) per far spazio alla sedicesima edizione dell’evento podistico trentino.

Per i futuri concorrenti il comitato organizzatore sfoggerà una canotta super leggera prodotta da Ci.Zero. Il materiale tecnico a contatto con la pelle attiva la capacità di traspirazione ed evaporazione del sudore, ed è estremamente confortevole grazie all’utilizzo del filato Dryarn dermatologicamente testato ed ecologico. Il capo è in tonalità grigia, con il logo frontale della Marcialonga Coop e il dettaglio della scritta “Get involved” sul bordo posteriore: un invito a farsi coinvolgere dal mondo dello sport e di Marcialonga.

Uno slogan scelto non a caso, poiché Marcialonga è – da sempre – un tutt’uno con i propri appassionati, siano essi sciatori di fondo, ciclisti o corridori. I più “involved” saranno indubbiamente i concorrenti della Combinata Punto3 Craft, classifica che somma i tempi degli atleti nei tre eventi Marcialonga (Skiing, Craft e Coop) per determinare i migliori marcialonghisti della stagione corrente.

Questo pregiato gadget tecnico completerà il pacco gara assieme ad altri prodotti offerti dagli sponsor, sia per chi sceglierà di partecipare alla classicissima di 26 km, sia per i concorrenti della staffetta (il primo staffettista percorrerà 10 chilometri, gli altri due 8 km ciascuno), la novità dello scorso anno che permette a tre amici, colleghi o parenti di godersi lo spirito della meravigliosa escursione da Moena a Cavalese, località di partenza ed arrivo anche della leggendaria ski-marathon.  Competitive anche le quote d’iscrizione, a 30 euro per i runners “solitari” ed a 60 euro per le staffette, da saldare entro il 2 agosto.

Gli scenari dolomitici aspettano i podisti, la Marcialonga Coop lungo la ciclabile di Fiemme e Fassa è un bijou per agonisti e corridori “della domenica”, la quale – il prossimo 2 settembre – sarà decisamente diversa dal solito.

Commenti

commenti

Marco